Microcredito 5 Stelle 2021: requisiti e opinioni sui finanziamenti alle piccole imprese del Movimento

Vi forniamo tutte le informazioni sul Microcredito 5 Stelle 2021. Nel caso in cui stiate pensando a intraprendere o a rilanciare una qualsiasi attività imprenditoriale, la soluzione in questione potrebbe fare al caso vostro. Delle motivazioni per le quali potrebbe interessarvi ne parliamo di seguito, sede presso cui andremo ad analizzare in lungo e in largo tutto ciò che concerne una questione di particolare attenzione, specie ora, si capisce. Prima di indicarvi le opinioni e i pareri di chi ha analizzato il tutto crediamo sia opportuno parlarvene in generale. Ma non tergiversiamo ulteriormente e passiamo ai fatti.

Cos’è il Microcredito 5 Stelle: informazioni sui finanziamenti alle piccole imprese

È ormai da un bel po’ che se ne parla, e se siete incappati nel presente articolo c’è motivo di pensare che qualcosa già sapete. Tuttavia, per rendere il tutto di più facile lettura, anche a chi magari per la prima volta sente parlare del Microcredito 5 Stelle, crediamo sia bene parlarvene in linea generale in prima istanza per poi approfondire la questione nei paragrafi successivi, sede presso la quale vedremo di andare a fondo relativamente ai requisiti, alle modalità di accesso al fondo in questione, alla presentazione delle domande, alle opinioni, alle esperienze e non via dicendo.

Ebbene, per quanto riguarda la soluzione finanziaria in questione è necessario in prima analisi dire che è uno strumento nato, si capisce, dal gruppo Movimento 5 Stelle per andare incontro a coloro i quali hanno una qualche idea imprenditoriale ma che, per mancanza di fondi, sono impossibilitati nel coronarne il progetto.

È proprio qui che il microcredito torna utile. Disciplinato dal decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (noto anche in acronimo come MISE) oltre che dal decreto 176/2014 tale soluzione finanziaria consiste in soldoni in finanziamenti piccoli da rivolgere a coloro i quali desiderano intraprendere una qualche attività imprenditoriale o, in alternativa, un lavoro autonomo.

Le somme che vengono erogate nel Microcredito 5 Stelle, così come nelle altre tipologie similari sono dunque minime sebbene sufficienti nella maggioranza dei casi a far sì che l’imprenditore o potenziale tale riesca ad aprire o a fungere da supporto nell’attività stessa. Di conseguenza, anche per tale ragione, come d’altronde specifica il nome, tale soluzione finanziaria non è affatto adatta e destinata a grandi imprese.

Chiudendo tale parentesi, necessaria a nostro parere per comprendere meglio di cosa si tratta la soluzione lanciata dal Movimento 5 Stelle, passiamo al microcredito specifico in questione. Il Gruppo politico, come molti di voi sapranno è riuscita nel tempo a coronare il proprio progetto di rendere disponibile al pubblico.

Leggendo il volantino disponibile in versione digitale sul sito web ufficiale del Movimento è mostrato in bella vista che il Microcredito 5 Stelle è il frutto di 14 milioni di stipendi restituiti dagli eletti M5S. Nella stessa sede possiamo conoscere inoltre altre informazioni più strettamente necessarie a chi ne volesse approfittare per aprire una propria attività di qualche tipo.

In prima istanza è bene sapere che gli importi messi a disposizione e dunque finanziabili hanno un tetto massimo fissato a 25 mila euro, tetto che, a ogni modo, sale in certi casi fino a 35 mila euro per alcune richieste speciali quali possono essere, come specifica il sito web relativo, aziende già esistenti, idee imprenditoriali che sono strettamente legate al settore dell’artigianato, a quello del commercio o ancora a quello relativo ai servizi e a tutti quei tipi di start up considerabili come innovative.

Ma perché scegliere il Microcredito 5 Stelle rispetto a una qualsiasi altra soluzione di microcredito o strumento finanziario affine ai piccoli finanziamenti per aziende? Lo stesso volantino del prodotto in questione tiene a sottolineare che una delle sue più importanti caratteristiche è proprio quella di donare al cliente vasti servizi di assistenza e monitoraggio.

Al riguardo dovete sapere che il Microcredito M5S riserva servizi di supporto e formazione per le attività imprenditoriali, surplus che può fungere da aiuto reale e concreto alle proprio imprese, specie a chi è alle prime armi e necessita di aiuto nei primi tempi di apertura della propria attività. Tale periodo di sostegno è garantito sia in fase istruttoria, sia nel periodo intero di rimborso sia da intermediari finanziari, sia dalle altre figure che sono abilitate a erogare il Microcredito in questione.

Ultima cosa da dire prima di passare ai requisiti e alle modalità di accesso per poter fruire proprio del Microcredito 5 Stelle riguarda i servizi di assistenza e monitoraggio preventivi alla prenotazione del tutto. In questo caso, come specificato sullo stesso sito web del Movimento, il richiedente sarà accompagnato e assistito nella compilazione della domanda attraverso una modalità aggiuntiva di accompagnamento utile a condurre il richiedente a compilare la domanda correlata per le risorse sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico. Gli stessi servizi di assistenza e monitoraggio passeranno poi sotto tutela dello stesso ente erogante nel momento in cui la prenotazione sarà ottenuta dal beneficiario.

Requisiti per accedere al Microcredito 5 Stelle 2021

Rispondere a questa domanda è molto semplice da una parte, ma dall’altra richiede del tempo per essere completamente esaurita in ogni sua sfaccettatura. Per quanto riguarda la risposta rapida è bene sapere che chiunque sia interessato ad aprire un’impresa e beneficiare di un credito extra grazie al Microcredito 5 Stelle può farlo compilando i vari moduli pubblicati, come dicevamo sul finire del precedente paragrafo, direttamente sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico. Fatto questo, e dopo che il tutto sarà approvato, la persona interessata non dovrà fare altro che recarsi una banca per ottenere il finanziamento in questione, senza garanzie reali come specifica il volantino relativo più volte menzionato.

Questa era la risposta veloce. Per quanto riguarda quella argomentata c’è molto altro da dire e da specificare per far sì che alla fin fine sapete tutto per bene. A quelle informazioni già indicate vi comunichiamo che a partire dal 27 di maggio il Ministero ha avviato la procedura di prenotazione, disponibile ora sul sito web www.fondidigaranzia.it. Attraverso tale portale è possibile, dopo la prenotazione, presentare seduta stante il proprio progetto imprenditoriale al soggetto barra ente finanziatore.

Per conoscere quali sono i vari enti finanziatori sappiate che sul sito web ufficiale di Microcredito 5 Stelle c’è una sezione apposita in continuo aggiornamento in cui è possibile conoscere tutti i vari soggetti concordi che hanno avviato già una convezione con la stessa. Oltre alle varie banche e istituti di credito è possibile conoscere i vari TAEG (acronimo di tasso annuo effettivo globale), i servizi offerti, il numero di filiali disponibili sul territorio italiano e il sito internet relativo.

Per semplificare il tutto ve ne indichiamo alcune, le ultime che hanno avviato la convenzione con il Microcredito 5 Stelle e le più importanti, leggasi quelle con un più alto numero di filiali. Sappiate che vi sono fra l’altro in tale sede ben 7 servizi che vi elenchiamo qui di seguito in breve che le banche possono offrire come vedremo poi.

Il numero 1 è relativo al supporto per definire la strategia per sviluppare il progetto finanziato oltre che l’analisi di soluzioni per svolgere l’attività in maniera ottimale. Il servizio numero 2 si rivolge invece alla formazione delle tecniche di amministrazione d’impresa tanto per quanto riguarda la gestione contabile, quanto quella finanziaria e relativa al personale. Il numero 3 è invece rivolto a formare il beneficiario per quanto riguarda gli aspetti tecnologici atti ad aumentare la produttività dell’attività. Mentre il servizio numero 4 va a rivolgersi a coloro i quali necessitano di supporto per la gestione dei prezzi, delle questioni relative alla vendita e al mercato più in generale.

Per il numero 5 la questione trattata è invece relativa alla soluzione dei problemi fiscali, legali e amministrativi e ai servizi correlati disponibili sul mercato. Il penultimo, il numero 6, è invece rivolto come riferimento al finanziamento concesso per i fini indicati all’art. 2 comma 1, lettera “d”, in quanto al supporto per la definizione del percorso di inserimento nel mercato del lavoro. L’ultimo, il servizio numero 7 è infine pensato per supportare nell’individuare e diagnosticare eventuali criticità che si possono incontrare nel percorso collegato al progetto finanziato.

Detto questo, ecco qualche esempio di istituti di credito affiliati al progetto. Fa parte da poco del progetto del Movimento 5 Stelle la banca Unicredit che offre per l’occasione due servizi da concordare con la stessa, un TAEG pari al 5,70% e la possibilità di riferirsi a ben 3940 filiali.

Un numero di filiali ancor maggiore, pari a 4300, sono quelle della Banca Intesa San Paolo, istituto che offre i servizi numero 1 e 7 e un TAEG pari al 5,89%. Questi stessi servizi sono offerti anche dalla Banca San Francesco Credito Cooperativo Soc. COOP le cui 16 filiali offrono lo stesso TAEG pari al 6,90%.

Fra le altre banche più importanti come non citare BCC Roma che, alla stregua di Unicredit offre due servizi da concordare con l’istituto di credito e un TAEG del 5,99%. Le filiali di quest’ultima sono 150, un numero appena maggiore alle 137 della Banca Popolare di Puglia e Basilicata che offre due servizi a scelta così come la Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. (86 filiali distribuite sul territorio) e come quest’ultima non rende noto il tasso annuo effettivo globale. Per tutte le altre banche e istituti vi rimandiamo, come sopra, all’elenco completo disponibile sul sito web ufficiale del Movimento 5 Stelle.

In tale sede potete trovare inoltre varie informazioni aggiuntive come un elenco di facile lettura in cui sono riportati tutti gli operatori che hanno effettuato almeno un’operazione di Microcredito 5 Stelle. Se ciò non bastasse sono presenti inoltre elenchi degli operatori di Microcredito e informazioni relative a determinate regioni come la Toscana, le Marche e l’Abbruzzo in cui la richiesta di ammissione può essere presentata in via esclusiva da un Confidi.

È tutto. Detto questo possiamo pure presentare ai vari passaggi necessari a formalizzare e inviare la richiesta.

Come fare domanda per il Microcredito del Movimento 5 Stelle?

Ora che abbiamo visto un po’ tutto il necessario per quanto riguarda il Microcredito 5 Stelle del 2021 possiamo passare a parlare pure delle modalità di presentazione della domanda. Ebbene, con un occhio rivolto come di consueto al sito web ufficiale del servizio finanziario di cui ci occupiamo, questo è quanto dovete sapere.

Per prima cosa è necessario che vi registriate creando un nuovo account sul sito www.mcc.it/microcredito, sede digitale facente parte del Ministero dello Sviluppo Economico attraverso cui dopo aver cliccato su “Crea un nuovo account” dovrete inserire le vostre generalità oltre al codice fiscale, all’indirizzo e-mail e a un recapito telefonico.

Fatto questo, nello step successivo dovrete utilizzare quelle stesse credenziali appena create per poter accedere al portale presso lo stesso sito web indicato in cui compilare i moduli relativi utili a ottenere la garanzia. Soltanto nel momento in cui avrete ricevuto la garanzia potete recarvi presso una banca aderente con un progetto imprenditoriale valido e lì richiedere il microcredito 5 Stelle.

Questo è quanto. Ora, nel caso in cui vogliate l’aiuto di professionisti come Consulenti del Lavoro e Commercialisti sappiate che il Movimento 5 Stelle ha stipulato al riguardo vari accordi al fine di aiutare chi vuole beneficiare dello strumento finanziario nella stipula della domanda o nella scrittura di un progetto ad esempio.

Per ulteriori informazioni in proposito potete comunque consultare il sito web ufficiale del Microcredito 5 Stelle, sede presso la quale potete rimanere aggiornati riguardo a novità o eventuali cambiamenti iscrivendovi semplicemente alla mailing list aggiungendo oltre al vostro indirizzo e-mail anche la vostra città di residenza utile a ricevere informazioni più coerenti con quanto può essere di vostro interesse.

Microcredito 5 Stelle 2021: le opinioni e i pareri

Manca da trattare in questa sede soltanto delle opinioni e dei pareri di chi ha provato il Microcredito 5 Stelle. Buona parte della stampa nazionale ha giudicato molto positivamente sia la proposta, sia il coronamento di quello che inizialmente era un semplice progetto politico su cui in pochi credevano. Oggi come oggi, il sito web ufficiale dello strumento finanziario in questione riporta che sono state finanziate già oltre 6.000 imprese che, di conseguenza, hanno generato più di 14 mila posti di lavoro.

Testimoniano i risultati vari articoli pubblicati sul blog del Movimento 5 Stelle stesso, sia sui vari quotidiani cartacei e online provinciali e nazionali a seconda della risonanza del progetto che il Microcredito 5 Stelle è stato in grado di supportare. Insomma, il piano tirato su dal gruppo politico è in sostanza giudicato in maniera positiva un po’ dovunque.

Questo è quanto ci è dato sapere in linea generale, chiaro. Nel caso in cui volessimo invece guardare più attentamente alle ripercussioni che lo strumento finanziario ha suscitato fino ad oggi c’è molto altro da dire. Sul web è possibile leggere un gran numero di casi specifici ed esperienze di persone che hanno avuto a che fare con il Microcredito 5 Stelle, esperienze che tornano sicuramente utili nel caso in cui un imprenditore o potenziale tale volesse approfittare del finanziamento in questione.

Ebbene, per alcuni versi ci sono testimonianze in cui varie persone si sono visti respingere la domanda di finanziamento per i motivi più disparati. Dall’altra c’è chi invece si è ritenuto pienamente soddisfatto del procedimento e della formula stessa.

In proposito c’è ad esempio sul blog del Movimento 5 Stelle una esperienza riportata da due sorelle che hanno deciso di approfittare del Microcredito per diventare imprenditrici aprendo un’azienda di ceramica. Ecco, le loro parole sono state chiare: dichiarano che nel giro di 60 giorni sono state in grado di ottenere il fondo attraverso l’istituto di credito. Ottenuto il finanziamento in questione, comunicano di averlo utilizzato per restaurare il locale e per acquistare materiale di diverso genere utile alla loro azienda. Insomma, il Microcredito 5 Stelle è stato utilizzato in questo caso per opere di ristrutturazione.

Su una linea simile a questo esempio c’è anche un video de Il Fatto Quotidiano in cui viene filmata la presentazione del finanziamento in questione con la prima beneficiaria che ha ricevuto i 25 mila euro del progetto. O ancora i due imprenditori di Bologna cui Beppe Grillo accenna sul proprio blog riportando la loro esperienza di utilizzare il Microcredito per far partire una nuova attività: un negozio di articoli sportivi.

A ogni modo, nel caso in cui vogliate trovare qualcosa di meno “di parte” potete dare un’occhiata a ciò che riportano i forum del settore finanziario e i vari thread lì presenti in cui potete leggere le opinioni e i pareri espressi da coloro i quali hanno provato a inviare la domanda per il Microcredito 5 Stelle o ne hanno proprio beneficiato.

C’è da dire, si capisce, che essendo fondamentalmente uno strumento non troppo diffuso e non troppo utilizzato per la settorialità a cui va a riferirsi, non è proprio semplicissimo trovare un ampio panorama di opinioni e recensioni. Che il tutto sia positivo è indubbio, d’altronde tutte le operazioni in questione rispondo delle stesse garanzie delle operazioni di microcredito stabilite dal TUB (acronimo di Testo Unico Bancario) oltre che dal Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 176 del 17.10.2014. Per ulteriori info vi rimandiamo comunque alla pagina web ufficiale presente sul sito del Movimento 5 Stelle.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*