Leasing o Finanziamento per acquisto auto e autocarro: qual è meglio e quale conviene fiscalmente

Il leasing e il finanziamento per l’acquisto, che voi vogliate comprare una nuova automobile o un nuovo autocarro, rappresentano la nuova frontiera per entrare in possesso di beni mobili così grandi e costosi.

Differenze tra leasing e finanziamento

Se il finanziamento per l’acquisto è un prestito volto al fine unico e preciso di comprare un bene specifico, nel caso preso in analisi in questa occasione un’automobile o un autocarro, il leasing è, invece, il contratto stipulato da un papabile acquirente e il venditore, più facilmente l’azienda o la compagnia che si preoccupa di mettere a disposizione un determinato oggetto o bene mobile. Nel leasing la parte composta da aziende e compagnie concede in godimento al papabile acquirente un bene per tutta la durata di uno specifico periodo di tempo e in cambio di una somma di denaro ben precisa versata, in genere, mensilmente, quasi come se si usufruisse “in affitto” di tale bene. Al termine del periodo di tempo stabilito, però, la parte contraente che ha usufruito del bene stesso può decidere sia di restituirlo e, quindi, rinunciarvi, come avviene nel caso, appunto, dei beni “in affitto” oppure di diventarne proprietario a tutti gli effetti aggiungendo la somma mancante per arrivare al valore monetario del bene dal quale verrà escluso e considerato già pagato quanto versato in precedenza durante il periodo di concessione. Un’altra possibilità dopo un primo servizio di leasing, però, potrebbe essere quella di cambiare il mezzo di cui si è usufruito durante il periodo stesso di leasing a favore di un nuovo e diverso veicolo stipulando un contratto ex novo.

Rispetto, ad esempio, al noleggio a lungo termine, il servizio di leasing è indicato e vantaggioso se poi la finalità è il riscatto del bene stesso, per questo, ad oggi, risulta essere fra le modalità più convenienti di uso, soprattutto se si tratta di leasing di beni mobili come quelli che visioneremo nel nostro articolo.

Quale conviene, però, maggiormente fra le due modalità di pagamento e ottenimento del bene? Per quali motivi? E soprattutto, vi è una risposta univoca sia che si tratti di finanziamento o leasing al fine di usufruire o comprare una automobile o un autocarro? Analizziamo tutti questi interrogativi di seguito.

Leasing auto e autocarro: perché conviene e quando

Generalmente l’opzione di leasing sull’uso di auto e autocarri è fra le più scelte, diffuse e convenienti per tutti coloro che decidono di usufruire del mezzo durante la propria attività lavorativa. Spesso, sicuramente, avrete già sentito parlare di due tipi di leasing: quello operativo e quello finanziario. Ai fini di eventuale detrazione o vantaggio fiscale così come dell’utilizzo stesso, non vi sono differenze.

L’unica caratteristica che rende le tue tipologie una disuguale dall’altra sta nella compagnia a cui il contraente richiedente si rivolge per installare il servizio e stipulare il contratto di leasing stesso in quanto, nel primo caso, quello di leasing operativo, il contraente richiedente si rivolge ad una società legata al produttore stesso che, di conseguenza, al termine del contratto trarrà maggiore interesse nel vendere il bene che mette in uso (è, pertanto, un rapporto più “diretto”), mentre nel secondo caso, nel leasing finanziario, il contraente richiedente si rivolge ad una società creata ad hoc per portare avanti le attività di leasing e quindi usufruisce del servizio più indirettamente rispetto alla casa produttrice del mezzo in uso stesso.

Vantaggi del leasing di auto e autocarri rispetto ai finanziamenti

Quando si tratta di leasing a favore di aziende e compagnie, il vantaggio non è senza dubbio indifferente, anche a livello fiscale: quando a usufruire del servizio di leasing di auto e autocarri, infatti, è un gestore di aziende o, comunque, un titolare di Partita Iva, è permessa la deducibilità a fine Irpef e ai fini della detrazione Iva. È necessario, però, ricordare, soprattutto nel caso in cui vi serviate del servizio di leasing a fini professionali, che la deducibilità derivanti da tale servizio è limitata ad un solo e unico veicolo i qualsivoglia tipologia (moto, auto o autocarro: non vi è alcuna differenza o modalità specifica)  e che, pertanto, in caso di necessità, si dovrà procedere con l’eventuale rilevazione della minusvalenza o plusvalenza e, di conseguenza, con la rettifica della detrazione IVA.

Questo servizio garantisce, inoltre, tempi rapidi per l’istruttoria e, di conseguenza, per il pagamento del fornitore. È importante tenere di conto che il servizio di leasing può, comunque, essere richiesto anche da privati: la condizione predominante è, però, la necessità che essi percepiscano redditi da attività di impresa.

I documenti per richiedere il servizio di leasing su auto e autocarri devono essere presentati puntualmente e in maniera completa al fine di incominciare in tempi più brevi possibili il servizio preposto, fra i più veloci e convenienti per entrare in possesso di mezzi di trasporto tali auto e autocarri. Prima di presentare tali documenti, però, la compagnia di leasing dovrà valutare l’affidabilità del cliente, privato o anche esso costituito da azienda o compagnia, contraente che utilizzerà il servizio tramite una fase detta di istruttoria del leasing durante la quale verranno valutati anche i parametri creditizi del contraente richiedente leasing e le peculiarità del mezzo di cui usufruire durante il periodo di leasing stesso per poi decidere le condizioni e i tassi di interesse del servizio finale. Talvolta alle condizioni già accordate o derivate soltanto da una prima istruttoria, si potrà decidere di aggiungere garanzie personali a favore del contraente richiedente così come a favore della compagnia che rilascia tale servizio di leasing di auto o autocarri.

I documenti necessari al fine di chiudere un contratto di servizio di leasing per auto e autocarro sono, fondamentalmente, di due tipologie: quelli riguardanti il mezzo di cui usufruirà il contraente richiedente e quelli riguardante proprio quest’ultimo.

I primi da prendere in considerazione devono essere la copia dell’offerta del fornitore completa di telaio e spese di immatricolazione in caso di mezzo nuovo al quale dovrà essere aggiunta, in caso di veicolo di seconda mano, la copia del libretto e CDP mentre, nel caso in cui tale mezzo sia stato importato, sarà necessario inserire nella documentazione anche il libretto estero e la copia di conformità. I documenti del contraente richiedente che serviranno ad attestare, fondamentalmente, le possibilità di sostenimento della spesa mensile, variano in base alla tipologia stessa di contraente: ditta individuale o società di persone. Nel primo caso serviranno la visura camerale (CCIAA), la copia del documento di identità fronte e retro, gli ultimi due modelli unici e gli ultimi due bilanci timbrati e firmati dal cliente, il bilancio infrannuale anche in questo caso con timbro e firma del cliente, l’elenco delle banche con affidamenti e leasing già attivati ed in corso e l’IBAN della banca d’appoggio RID. Nel secondo caso, invece, la documentazione è generalmente la stessa moltiplicata, però, per tutti i soci della società quando si tratti di documenti di identità e di modelli unici, a cui si aggiungono, però, i due modelli unici della società. Naturalmente, inoltre, in questo caso gli ultimi due bilanci e il bilancio infrannuale saranno timbrati e firmati soltanto dallo stesso amministratore della società, talvolta provvisti di note integrative se necessario.

Il sistema di leasing, oltre ad essere conveniente, semplice ed intuitivo, risulta essere anche davvero veloce in quanto, a consegna di tutta la documentazione sopra esplicata avvenuta, basterà aspettare un tempo.

Leasing auto ed autocarri: quali sono le compagnie migliori a cui rivolgersi?

Appurato, nel paragrafo precedente, che esistono due diverse tipologie di leasing, andiamo a vedere quali sono le compagnie migliori a cui rivolgersi per il leasing di auto e autocarri finanziario, essendo il leasing operativo un campo molto più vasto e differenziato a seconda del target interessato.

La prima compagnia da prendere in considerazione è, senza dubbio, Assilea. Associazione Italiana Leasing, di cui potrete trovare indicazioni nel sito online assilea.it. Nell’area idonea, infatti, sarà possibile godere di una sezione apposita che farà riflettere ogni papabile contraente richiedente leasing tramite un semplice test: “di che leasing sei?” a seguito del quale verrà calcolata la tipologia di offerta leasing che meglio si adatta alle proprie esigenze. Le domande, poco più di venticinque in tutto, sono divise in macroaree riguardanti l’auto in uso al momento del test, quella nuova che si intende utilizzare durante il periodo di leasing, la famiglia e le capacità o le possibilità finanziarie al momento della richiesta.

Specifica, invece, per il ramo che stiamo analizzando nel corso di questo articolo, è la compagnia di leasing Alba Leasing. Valore Raggiunto, consultabile online al sito albaleasing.eu specifica quando si tratta di utilizzare il servizio su veicoli commerciali come furgoni e autocarri. La società si rivolge principalmente a società di persone, società di capitali, professionisti, artigiani e pubblica amministrazione che abbiano in mente di usufruire di tale servizio per portare avanti la propria attività lavorativa con tutte le agevolazioni che abbiamo visto e scoperto in precedenza. Non solo autovetture, infatti, ma diverse tipologie di autocarro sono fra le risposte alle domande dei contraenti richiedenti servizio di leasing su auto e autocarri da lavoro:  i beni di cui ogni contraente richiedente, sia esso nella entità di persona privata che di azienda o compagnia , sono autoveicoli strumentali all’attività di impresa, con peso fino a 35 quintali con o senza allestimento a seconda delle necessità personali. Le proposte riguardanti le auto e gli altri mezzi da lavoro con un peso maggiore rispetto ai 25 quintali, invece, vengono trattate nelle altre due diverse macrosezioni che sono, rispettivamente, quella del Leasing Auto che ingloba autovetture e motoveicoli (cc 125 o superiore) iscritti ai pubblici registri e, per quanto riguarda ai grandi automezzi, quella di Leasing Veicoli Industriali in cui vengono esposti i veicoli industriali, strumentali all’attività di impresa, con peso superiore ai 35 quintali, anche in questo caso con o senza allestimento.

La società Alba Leasing. Valore Raggiunto, però, non si occupa soltanto di stipulare servizi leasing della tipologia di beni che stiamo analizzando in quest’articolo, ma anche di auto, veicoli industriali, immobiliari “finiti o costruendo”e leasing nautici eper ogni voce, oltre a dimostrarsi una società competente e ben organizzata, analizza i vantaggi per il cliente contraente richiedente. Tornando al caso che stiamo prendendo adesso in considerazione, il leasing per auto e autocarri, ad esempio, i vantaggi vengono differenziati fra operativi e fiscali. Appartenenti alla prima tipologia troviamo la rapidità di perfezionamento del contratto direttamente presso gli sportelli delle Banche Convenzionate, la dilazione del pagamento IVA, l’uso del bene mobile senza spese aggiuntive, nessuna garanzia ipotecaria sui beni di proprietà aziendale o dei soci e, infine, la scelta del bene stesso presso il proprio concessionario di fiducia. Fra i vantaggi fiscali per il cliente contraente richiedente, inoltre, si ha la deduzione del canone di locazione finanziaria ripartendo l’onere complessivo su una durata pari alla metà del periodo di normale ammortamento fiscale in relazione all’attività esercitata dall’utilizzatore a prescindere dalla durata del servizio di leasing previsto dal contratto stipulato.

Finanziamento per l’acquisto di auto e autocarri: conviene davvero rispetto al leasing?

Sebbene ultimamente sia stato superato dall’incredibile successo del leasing, operativo o finanziario che sia, il finanziamento per acquisto continua ad essere una costante risorsa per tutti coloro i quali desiderano acquistare un veicolo, un’auto o un autocarro nello specifico del caso preso in esame, senza dover necessariamente avere una cospicua somma di risparmi già accumulata. Anche in questo caso, come nella tipologia del leasing operativo, il fine ultimo di tale servizio è volta proprio all’acquisto, nello specifico, del mezzo.

Il finanziamento per l’acquisto è, di fatto, un prestito in denaro che istituti finanziari o banche concedono al richiedente, che sia esso costituito da un privato o da una società, al fine di pagare e, appunto, come dice il nome stesso, acquistare un bene ben preciso. In questo caso pertanto, il finanziamento per l’acquisto di auto o autocarro, andrà utilizzato solo ed esclusivamente al fine di comprare uno dei citati beni mobili. Tale prestito dovrà essere rimborsato con il pagamento a rate annuali o mensili, a seconda della durata stessa del prestito, il cui importo supererà, a seconda degli interessi indicati dall’ente che presta la somma iniziale, del prestito originario che, pertanto, apparirà maggiorato.

Il prestito da parte di banche o istituti finanziari, attualmente, risulta essere però, meno scelto rispetto al servizio di leasing, in quanto, almeno tendenzialmente, meno conveniente. Questa modalità di prestito, infatti, richiede maggiori garanzie rispetto al leasing: oltre ai documenti enumerati in precedenza per il servizio di leasing, infatti, serve necessariamente attestare la maggior età del contraente richiedente, dare in garanzia il proprio reddito dal quale, poi, varierà inevitabilmente le condizioni di sicurezza e, pertanto, la somma di prestito che la banca, o qualsiasi altro ente o istituto finanziario, sarà disposto a concedere.

Le uniche agevolazioni degne di nota per quanto riguarda il finanziamento di acquisto sembrano essere la deducibilità che prevede una duplice limitazione in quanto risulta essere limitata al 20% e subisce un nuovo contenimento del valore fiscalmente riconosciuto dai mezzi, differenziato a seconda della tipologia di veicolo: motocicli, ciclomotori e autovetture e autocaravan. Nella fattispecie di auto e autocarri, pertanto, il limite al valore fiscalmente riconosciuto verrà fatto risalire all’ultima tipologia espressa che include ed è uguale per autovetture e autocaravan ed è pari a 18.075,99 euro. Effettuando, in ultima istanza, il calcolo è per scoprire il massimo della somma deducibile sull’acquisto di autovetture ed autocaravan tenendo conto di entrambi i suddetti limiti, nel caso di finanziamento per l’acquisto di auto e autocarri, il costo deducibile massimo possibile sarà di  3.615, 20 euro.

Finanziamento per l’acquisto di auto e autocarri: a chi rivolgersi?

I finanziamenti per l’acquisto, abbiamo visto, restano comunque fra le scelte più diffuse fra gli italiani quando si tratta di scegliere una modalità di acquisto di beni mobili, come in questo caso, auto e autocarri. Essendo una modalità ormai nata parecchi anni fa, sono davvero molte le banche e gli enti finanziari che propongono contratti che possano attestare un passaggio di denaro al fine di comprare un veicolo come quelli analizzati nel presente articolo.

Prima ancora di osservare le offerte delle banche a riguardo, infatti, è consigliabile analizzare tutte le compagnie di prestito, più presenti e, forse, competenti nel ramo in questione, che di certo sapranno proporre ai contraenti richiedenti la soluzione migliore di prestito, soprattutto nel caso in cui tale richiesta arrivi non soltanto da una compagnia o da un’azienda ma anche da un privato. Una risposta quasi scontata è senza dubbio Compass del gruppo Medio banca, che ha studiato una proposta apposita per l’acquisto di autovetture. Che siano esse veicoli nuovi o usati, le modalità di prestito non variano granché, l’unica differenza da prendere in considerazione sarà data necessariamente dagli interessi finali.

Perché preferire il leasing al finanziamento su auto e autocarri?

Rispetto al servizio di leasing il canonico finanziamento per l’acquisto sembrerebbe essere meno flessibile quindi e tendenzialmente privo di agevolazioni fiscali di estrema vantaggiosità, anche quando riguarda, come nel caso preso in analisi, auto e autocarri.

Talvolta potrebbe apparire persino sconveniente se si pensa al rimborso maggiorato in base agli interessi di cui non vi è la minima traccia nel servizio di leasing: naturalmente entrambe le categorie prese in analisi sono chiare e ben organizzate, una valida fonte di liquidi nel momento in cui ci troviamo a dover acquistare un bene mobile come un’auto o un autocarro, ma senza dubbio i parametri da analizzare prima di scelgie re il servizio al quale affidarsi non sono pochi e, soprattutto, neppure così scontati.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Privacy Settings

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi