Finanziamenti con maxi rata finale: calcolo rata prestito, conviene o no?

Negli ultimi tempi si parla molto dei finanziamenti con maxi rata finale, una soluzione particolarmente gradita dai consumatori, in quanto permette di procedere con un acquisto importante (come può essere quello di una moto o di un’auto) che prevede il pagamento di una rata iniziale abbastanza ridotta.

Per evitare possibili brutte sorprese è comunque necessario informarsi in maniera approfondita così da evitare qualsiasi tipo di rischio o pericolo. Come già accennato in precedenza, la rata iniziale risulta essere vantaggiosa e appetibile, in quanto la cifra è relativamente bassa. Ma di contrasto, se quella iniziale è economica, la maxi rata finale, come facilmente intuibile, non è poi così accessibile a tutti. Per questo motivo, per prima cosa è necessario definire che cosa sia un finanziamento con maxi rata: si tratta di un particolare tipo di prestito che presenta alcune caratteristiche simili al leasing per quanto riguarda i beni strumentali. Nel caso del leasing, è previsto il pagamento di un canone mensile e il bene in questione può essere tranquillamente utilizzato senza avere alcun tipo di responsabilità relativa alla manutenzione sia ordinaria che straordinaria. Quella del leasing è una formula di finanziamento che andava molto di moda negli anni passati, che può avere una durata che varia da uno a tre anni e che era rivolta in particolar modo ai professionisti. Una volta passato il periodo iniziale, il cliente ha diverse strade tra cui scegliere. In primo luogo, ha la possibilità di continuare il pagamento della rata fino alla fine del contratto, con il leasing che si trasforma a tutti gli effetti in un vero e proprio finanziamento. Ma non solo. Il richiedente ha anche l’opportunità di riscattare il mezzo oppure di chiudere il contratto restituendo il mezzo stesso al concessionario. Quella del leasing è una formula che è stata ideata in principal modo per andare incontro alle esigenze professionali.

Negli ultimi tempi, per cercare di incentivare soprattutto il mondo delle auto, si è pensato di allargare questa formula del leasing non solo ai professionisti, ma si è deciso di rivolgersi anche a tutte quelle persone che utilizzano il proprio mezzo per motivi personali. Proprio per questa ragione è stata ideata la soluzione che ha preso il nome di finanziamento con maxi rata finale. Nello specifico, si tratta di un finanziamento che è suddiviso in tre parti differenti. In primo luogo, è necessario corrispondere, nel momento della stipula del contratto, un anticipo. La seconda parte è quella relativa al piano rateale e infine c’è la maxi rata da saldare alla fine del contratto. Inoltre, c’è la possibilità di restituire il mezzo oppure di rifinanziare l’importo della rata.

Quando conviene stipulare un finanziamento con maxi rata finale?

Quella del finanziamento con maxi rata finale è una soluzione che può risultare conveniente, soprattutto perché consente di spostare in avanti la scelta di diventare o meno proprietario di quel mezzo che si è deciso di acquistare. Allo stesso tempo, però, viene data anche l’opportunità di restituire l’oggetto. Si tratta di un aspetto che un consumatore deve tenere in considerazione, in quanto in questo modo c’è la possibilità di far fronte al problema relativo al deterioramento del bene per usura e obsolescenza. In linea generale, il prestito con maxi rata finale è una soluzione che presenta degli aspetti convenienti e vantaggiosi. Ma in ogni caso, si deve prestare molta attenzione a determinati fattori nel momento in cui si decide di procedere con la stipulazione del contratto. In primo luogo, infatti, per i finanziamenti con maxi rata finale non è prevista l’opzione di riscatto. In questo modo, i vantaggi per quanto riguarda il piano finanziario vengono ridotti in maniera drastica. Il cliente è così costretto ad affrontare ad una spesa obbligatoria e non secondaria nel momento in cui il contratto scade. Ma non è finita qui. Nel momento in cui si stipula il contratto, devono essere valutati con molta attenzione anche altri fattori. Innanzitutto, è consigliabile analizzare con la dovuta attenzione tutte le informazioni relative all’anticipo, alla maxi rata finale e ai tassi di interesse per quanto riguarda il piano rateale. Inoltre, da tenere in considerazione pure tutte quelle varie condizioni riguardanti il riscatto. Fin da subito è anche necessario discutere per quanto riguarda la possibilità di rifinanziamento della maxi rata.

Questa particolare formula di prestito è dedicata solamente all’acquisto di auto nuove e, come detto in precedenza, è rivolta soprattutto ai clienti privati. Nella maggior parte dei casi si paga in anticipo in contanti, ma è possibile anche cedere in permuta la proprio auto usata. In seguito, viene elaborato un preciso piano rateale con l’importo delle varie rate relativamente basso (tanto da essere definite come mini rate). In ogni caso, in base alla legge l’importo minimo di una rata non può essere inferiore all’uno per cento del valore del bene che si va ad acquistare. Facendo un esempio: si compra un’auto dal valore di trentamila euro, l’importo minimo della rata è pari a trecento euro. La durata di questi piani di rate può essere di un massimo di tre anni: l’importo finale può essere pagato tutto in un colpo solo. Oppure c’è un’altra possibilità, ovvero di trasformare la maxi rata in un finanziamento classico. In altri casi, invece, viene data la possibilità di cedere l’auto e acquistarne un’altra, facendo di fatto ricominciare il gioco. In questo ultimo specifico caso, il valore della vetture restituita andrà a formare quello che sarà l’anticipo per quanto riguarda l’acquisto dell’auto successiva. Come già accennato in precedenza, bisogna fare attenzione a tutti i vari fattori e soprattutto non si deve cadere nelle pubblicità ingannevoli. Anzi, il consiglio è sempre quello di leggere tutte le condizioni prima di porre la firma sul contratto, comprese anche tutte le informazioni scritte in piccolo. In definitiva: quella del finanziamento con maxi rata finale è una soluzione adatta soprattutto a chi ha una buona disponibilità economica e che cambia spesso la propria auto.

Quando non convengono i finanziamenti con maxi rata finale

E’ qualcosa di sconsigliato invece per coloro che non hanno entrate elevate, per via degli importi molto alti per quanto riguarda l’anticipo. Inoltre, si sconsiglia di utilizzare questa formula anche per coloro che preferiscono tenere la propria vettura per diversi anni. Insomma, bisogna prestare attenzione a non cadere in quella che viene definita come trappola finanziaria. Quella della maxi rata finale, così come il leasing, è una soluzione che può essere conveniente soltanto in casi di totale trasparenza per quanto riguarda l’offerta. Se infatti le informazioni relative all’anticipo, alla maxi rata finale e al piano rateale vengono esplicitamente spiegate al cliente, allora questo finanziamento può rappresentare una buona soluzione. Ma non solo. Tale prestito è un’ottima forma di finanziamento anche nel caso in cui la maxi rata dovesse costituire una reale alternativa al pagamento, offrendo al richiedente la possibilità di riscattare il bene oppure uscire dal contratto senza sborsare nulla di più di quanto già corrisposto con l’anticipo e con il piano di rate stabilito.

Devono essere totalmente chiare anche le condizioni che consentono il riscatto del bene: ad esempio, nel caso dell’acquisto di un’auto il valore della maxi rata finale viene garantito nel caso in cui il mezzo al termine di tale contratto è usurato in maniera normale: per questa ragione, è giusto stabilire fin da subito i parametri che vanno a definire quello che è la “normale usura”: se tali parametri vengono chiariti fin dall’inizio, allora questo tipo di prestito è consigliato. Dunque, per valutare se questo finanziamento fa al caso vostro o meno bisogna tenere in considerazione tutti questi fattori. Se ne dovesse mancare anche soltanto uno di questi, allora il consiglio è quello di lasciar perdere questo genere di prestito, puntando magari ad un altri tipo di finanziamento, come può essere ad esempio quello a tasso zero oppure quello che prevede la cessione del quinto.

Calcolo finanziamenti con maxi rata finale

Per spiegare al meglio in che modo deve essere eseguito il calcolo della rata per quanto riguarda i finanziamenti con maxi rata finale è necessario fare un esempio pratico. Supponiamo di acquistare un bene di un valore pari a 15.000 euro (quello che grosso modo è il prezzo di un’auto nuova e di buon livello) e di dare un anticipo di 2.000 euro. Con un valore al termine del piano rateale (per esempio, dopo tre anni) stimato sui 5.000 euro (che corrisponde all’importo della maxi rata finale), allora le diverse rate dovranno essere calcolate in questo modo: il valore del mezzo (15000 euro) meno l’anticipo (2000 euro) meno maxi rata finale (5000 euro), per un totale di 8000 euro. Sarà proprio su questi ottomila euro che verrà stabilito il piano rateale e sempre su questa cifra verranno calcolati i tassi di interesse (TAN e TAEG). In generale, comunque, girando per il web si possono trovare diversi siti che danno l’opportunità di calcolare, in maniera del tutto automatica, l’importo di una rata relativa ad un finanziamento con maxi rata finale. In questo modo si possono anche confrontare le condizioni proposte da un prestito di questo genere con finanziamenti senza maxi rata finale.

Sono diversi gli istituti di credito e le banche che offrono ai propri clienti la possibilità di procedere con l’acquisto di un’auto o di una moto attraverso un finanziamento con maxi rata finale. Una di queste è Findomestic, anche se non sono da sottovalutare le proposte avanzate da Fiditalia e Younited Credit.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*