Finanziamenti Bocconi 2020: opportunità per studenti su corsi di laurea e master

Essendo un ateneo privato, le tasse dell’università Bocconi possono avere un costo piuttosto elevato, ma in aiuto degli studenti accorrono i finanziamenti, sia per quanto riguarda la laurea (sia la triennale che la specialistica) e sia per quanto riguarda i master. Allora vediamo una veloce panoramica sull’Università Bocconi e vediamo quali sono i finanziamenti dedicati agli studenti sui corsi di laurea e sui master offerti dall’ateneo.

Finanziamenti Bocconi 2020: opportunità per gli studenti per le lauree triennali e magistrali 

L’università Bocconi, come detto, è un ateneo privato, quindi ci troveremo di fronte a tasse ovviamente più alte rispetto a quelle richieste nelle università statali, a causa dell’offerta formativa messa a disposizione dalla Bocconi.

Le tasse da pagare durante l’intero corso di studi possono variare a seconda delle fasce di contribuzione in cui si trovano gli studenti e le variazioni che interessano le tasse di contribuzione e i contributi accademici, che variano ogni anno. Ma nella prima rata da pagare da parte degli studenti sono presenti sempre dei contributi fissi: la tassa d’iscrizione del valore di 280 euro, la tassa regionale del valore di 140 euro, le imposte fisse di bollo del valore di 16 euro e le spese bancarie per la generazione del MAV del valore di 3 euro.

Come detto, il costo delle tasse può variare di anno in anno e da studente a studente, ma la Bocconi precisa fin da subito che, nel caso del corso di laurea in Giurisprudenza, c’è un incremento delle tasse tra il terzo e il quarto anno del 10% e anche al quinto anno.

In linea di massima, il costo delle tasse per le lauree triennali e per il corso di giurisprudenza, per quanto riguarda il primo anno, è di 12.883 euro. Mentre, per quanto riguarda le lauree magistrali, le rate del primo anno ammontano a 14.073 euro.

Visti i costi piuttosto alti, l’Università Bocconi ha previsto una serie di agevolazioni indirizzate agli studenti più bisognosi e a quelli più brillanti. I contributi previsti dalle agevolazioni dell’ateneo possono variare nel corso degli anni, a seconda dei fondi ricevuti dai donatori dell’università. Solitamente le agevolazioni vengono date studiando attentamente la situazione economica delle famiglie degli studenti e vengono confermate secondo i meriti che ha ottenuto lo studente durante il suo percorso universitario. Le agevolazioni consistono nel pagamento totale dei contributi universitari o parziale, a seconda della situazione patrimoniale degli studenti. 

È possibile, però, anche optare per dei finanziamenti, possibili grazie alla collaborazione dell’Università Bocconi con alcuni istituti di credito, per poter dare la possibilità a tutti gli studenti di studiare all’ateneo milanese. In questo caso, i finanziamenti sono indirizzati a tutti gli studenti più meritevoli, a prescindere dalla situazione economica e finanziaria, ma devono comunque mantenere una media alta e un certo numero di crediti formativi per tutta la durata del corso di studi.

La richiesta per il finanziamento va inoltrata dopo l’iscrizione o l’immatricolazione all’anno accademico. La richiesta verrà esaminata nella seconda metà del mese di settembre. Nel caso che il finanziamento venga accettato, lo studente dovrà aprire un conto corrente presso la banca affiliata all’università Bocconi e pagare la prima rata delle tasse e poi le successive (il cui costo varia a seconda della propria situazione finanziaria). Dopo un periodo di pausa, le tasse verranno rimborsate allo studente da parte della banca. Per gli studenti delle lauree triennali e di Giurisprudenza che hanno una cittadinanza italiana o europea, la banca a cui fare riferimento è la Banca Intesa San Paolo.

Il finanziamento che gli studenti di laurea triennale o di Giurisprudenza possono richiedere è il finanziamento “Per Merito”, riservato agli studenti con cittadinanza europea che frequentano una laurea triennale o il corso a ciclo unico di Giurisprudenza all’Università Bocconi. Per poter rientrare in questo finanziamento, ci sono diversi requisiti, che cambiano a seconda dell’anno di frequentazione. Per quanto riguarda gli studenti al primo anno, gli studenti dovranno immatricolarsi e rispettare tutte le condizioni dell’immatricolazione. Mentre, per quanto riguarda gli studenti di altri anni, i requisiti riguardano il numero di crediti in possesso: gli studenti del secondo anno dovranno avere almeno 24 crediti; gli studenti del terzo anno dovranno avere almeno 90 crediti; gli studenti del quarto anno (per quanto riguarda il ciclo unico di Giurisprudenza) dovranno avere un minimo di 150 crediti e gli studenti del quinto anno (sempre per quanto riguarda il ciclo unico di Giurisprudenza), dovranno avere un minimo di 205 crediti.

Gli studenti possono richiedere un finanziamento di 50.000 euro, nel caso siano al primo anno e non appartengano ad altre fasce di contribuzione agevolata oppure un finanziamento di 40.000 euro, nel caso di studenti al primo anno a cui siano state assegnate altre fasce di agevolazione finanziaria.

Nella domanda per il finanziamento, gli studenti dovranno indicare la loro classe di appartenenza, la propria area di appartenenza, la propria facoltà, scegliere tra le opzioni “fascia agevolata” (se lo studente è un assegnatario di una delle fasce di contribuzione) e “fascia completa” (se lo studente non è assegnatario di alcuna fascia di contribuzione agevolata) e, infine, il corso di appartenenza in linea col proprio anno di iscrizione.

Tutte le domande verranno prese in carico dall’università Bocconi e dalla Banca Intesa San Paolo e occorrerà un periodo minimo di un mese per lo studio delle richieste. Lo stesso ateneo consiglia ai propri studenti di fare la domanda per il finanziamento entro la seconda metà del mese di settembre. Per sapere se la richiesta del finanziamento è andata a buon fine, lo studente dovrà aspettare l’arrivo di una mail, per poi aprire il conto corrente alla banca indicata. La prima parte di pagamento arriverà solamente dopo l’apertura del conto corrente, mentre le altre parti di pagamento saranno con una cadenza semestrale.

Per gli studenti che sono in fascia ordinaria, i pagamenti avverranno in questo modo: gli studenti del primo anno avranno un finanziamento della durata massima di 5 anni, con un importo di 5000 euro per ogni pagamento e un totale di 10 parti, per un importo totale di 50.000 euro; gli studenti del secondo anno avranno un finanziamento della durata massima di 4 anni, con un importo di 5000 euro per ogni pagamento e un totale di 8 parti, per un importo totale di 40.000 euro; gli studenti del terzo anno avranno un finanziamento della durata massima di 3 anni, con un importo di 5000 euro per ogni pagamento e un totale di 6 parti, per un importo totale di 30.000 euro; gli studenti del quarto anno avranno un finanziamento della durata massima di 2 anni, con un importo di 5000 euro per ogni pagamento e un totale di 4 parti, per un importo totale di 20.000 euro; gli studenti del quinto anno avranno un finanziamento della durata massima di un anno, con un importo di 5000 euro per ogni pagamento e un totale di 2 parti, per un importo totale di 10.000 euro.

Per quanto riguarda, invece, gli studenti che appartengono ad una fascia agevolata, i pagamenti avverranno in questo modo: gli studenti del primo anno avranno un finanziamento della durata massima di 5 anni, con un importo di 4000 euro per ogni pagamento e un totale di 10 parti, per un importo totale di 40.000 euro; gli studenti del secondo anno avranno un finanziamento della durata massima di 4 anni, con un importo di 4000 euro per ogni pagamento e un totale di 8 parti, per un importo totale di 32.000 euro; gli studenti del terzo anno avranno un finanziamento della durata massima di 3 anni, con un importo di 4000 euro per ogni pagamento e un totale di 6 parti, per un importo totale di 24.000 euro; gli studenti del quarto anno avranno un finanziamento della durata massima di 2 anni, con un importo di 4000 euro per ogni pagamento e un totale di 4 parti, per un importo totale di 16.000 euro; gli studenti del quinto anno avranno un finanziamento della durata massima di un anno, con un importo di 4000 euro per ogni pagamento e un totale di 2 parti, per un importo totale di 8000 euro.

Per poter continuare col finanziamento, gli studenti dovranno mantenere un certo numero di crediti per tutta la durata del loro corso di studi, con controlli che verranno fatti annualmente. Nel caso non riescano ad avere, alla fine dell’anno, il numero di crediti richiesto, scatterà il “periodo ponte” di un anno. Ovvero un periodo che inizia dopo sei mesi dall’ultimo pagamento, nel quale non viene richiesto alcun rimborso.

Ma se lo studente si troverà in carenza di debiti per tre volte, allora non verranno erogati i successivi pagamenti e non verrà concesso il periodo ponte, perciò sarà costretto a rimborsare l’università e la banca con tutte le somme ottenute. Entro la fine del periodo ponte, lo studente dovrà decidere come impostare il piano di ammortamento per la restituzione del finanziamento ricevuto, poiché tutte le somme ricevute sono soggette ad interessi. Per il rimborso lo studente avrà un massimo di 96 mesi di tempo e lo farà mediante delle rate mensili con importo sempre uguale e che comprendono anche gli interessi. Ovviamente lo studente può anche scegliere il rimborso in un un’unica soluzione, per poter estinguere in una sola volta il debito.

Anche per quanto riguarda gli studenti delle lauree magistrali, sono disponibili dei finanziamenti offerti dall’università Bocconi in collaborazione con la Banca Intesa Sanpaolo. In questo modo, anche gli studenti delle magistrali avranno la possibilità di terminare gli studi ed affacciarsi al mondo professionale. Anche in questo caso, i finanziamenti sono indirizzati agli studenti più meritevoli, a prescindere dalla loro situazione economica famigliare. Come detto, per gli studenti che hanno la cittadinanza europea e sono iscritti alla laurea magistrale all’Università Bocconi, l’istituto finanziario di riferimento è la Banca Intesa Sanpaolo, tramite il finanziamento “Per Merito”.

I requisiti per rientrare in questo finanziamento sono diversi: se gli studenti richiedenti sono al primo anno, l’unico requisito richiesto è l’immatricolazione all’anno accademico; se gli studenti richiedenti sono al secondo anno, vengono richiesti almeno 40 crediti come base per la richiesta.

La richiesta va inoltrata alla banca, indicando i seguenti dati: classe di appartenenza, area (che è unica), facoltà, corso di laurea e indicare se si è al quarto anno o al quinto anno. Anche in questo caso, la banca e l’università impiegheranno circa un mese per la valutazione delle richieste, quindi invitano gli studenti a mandare le richieste entro la seconda metà di settembre.

Il massimo dell’importo è pari a 20.000 euro e l’erogazione delle somme avverrà mediante conto corrente in due parti: la prima parte verrà erogata al momento della sottoscrizione del conto corrente alla Banca Intesa Sanpaolo, mentre la seconda parte verrà erogata successivamente; entrambe le parti saranno pari a 5000 euro.

Per poter mantenere il finanziamento dopo il primo anno, lo studente è tenuto ad avere un minimo di 40 crediti se è al secondo anno e un minimo di 90 crediti se si trova un anno fuori corso. Come nel caso delle triennali, se lo studente non avesse i requisiti per il mantenimento del finanziamento, allora inizierà il periodo ponte di un anno.

Finanziamenti Master Bocconi Milano 2020

L’Università Bocconi è sicuramente uno degli atenei più rinomati in Italia e in Europa; gli studenti, oltre ad ottimi corsi di laurea, sia triennali che magistrali e quinquennali, si troveranno di fronte ad una vasta scelta di master universitari.

Anche nel caso dei master, i costi possono essere un po’ elevati, data la grande preparazione che i master danno agli studenti iscritti. Ad esempio, il Master in Marketing e Comunicazione dell’Università Bocconi ha un costo di 14.000 euro (con l’aggiunta di 32 euro di bollo), che comprende, oltre al master in sé, anche il materiale didattico e i servizi dell’ateneo.

Anche per i master ci sono diverse agevolazioni, come le borse di studio aziendali e territoriali, ma ovviamente gli studenti potranno richiedere un finanziamento per poter sopperire ai costi delle tasse del master. Innanzitutto, bisogna precisare che non tutti i master offerti dall’università Bocconi possono aderire ad un finanziamento: la lista dei master che accettano un finanziamento è disponibile sul sito ufficiale dell’università. Si tratta di dati che possono cambiare di anno in anno, perciò è consigliabile consultare il sito oppure contattare la segreteria per avere ogni informazione.

Il finanziamento per i master è disponibile sia con la Banca Intesa Sanpaolo che con la Banca Sella. Per poter richiedere il finanziamento, gli studenti dovranno iscriversi al master e pagare la prima rata, mandare la richiesta per il finanziamento ed aspettare la sua eventuale approvazione; in caso di approvazione del finanziamento, la somma verrà trasferita allo studente, che potrà essere rimborsato del pagamento delle tasse.

Nel caso degli studenti con cittadinanza italiana o europea, gli studenti possono scegliere di avere il finanziamento mediante la Banca Intesa Sanpaolo e la Banca Sella.

Se si sceglie la Banca Intesa Sanpaolo, il finanziamento cambia valore a seconda della cittadinanza e del tipo di master. Ad esempio, per gli studenti di cittadinanza italiana, il finanziamento va da un minimo di 30.000 euro fino ad un massimo di 50.000 euro; per gli studenti di cittadinanza europea, il finanziamento va da un minimo di 29.400 euro fino ad un massimo di 50.000 euro.

Per poterlo richiedere, lo studente deve innanzitutto iscriversi al master e pagare la prima tassa e poi compilare due domande, una per la Bocconi e una per la Banca Intesa Sanpaolo. Nella documentazione per la Bocconi, lo studente dovrà compilare una domanda online per richiedere una somma che sia al massimo pari al costo del master; in caso positivo, la segreteria manderà allo studente una lettera di accettazione del finanziamento (nella quale saranno indicate anche tutte le condizioni del finanziamento). Nella documentazione per la banca, invece, lo studente dovrà compilare la procedura online per scegliere una delle somme tra quelle proposte che sia leggermente superiore al costo del master e poi aspettare la lettera di approvazione da parte della banca.

Nel caso che il finanziamento venga accettato, lo studente dovrà aprire un conto corrente presso la banca e l’erogazione del finanziamento avverrà direttamente in una soluzione; lo studente, poi, avrà tempo 15 giorni per versare la somma ricevuta in banca.

Se, invece, gli studenti sceglieranno la Banca Sella avranno a disposizione una somma massima di 30’000 euro. Anche in questo caso, la somma verrà versata allo studente in un’unica soluzione e la somma dovrà essere versata direttamente e per intero alla banca, da parte dello studente. Il finanziamento potrà essere richiesto da parte dello studente solo dopo essersi iscritto al master e aver pagato la prima rata. Il finanziamento può essere richiesto mediante la procedura online dell’università Bocconi.

Per poter richiedere un finanziamento alla Banca Sella, lo studente dovrà presentare un attestato ufficiale che indichi l’ammissione al master, un curriculum vitae che indichi sia le esperienze accademiche che quelle lavorative e un attestato firmato dal datore di lavoro che indici l’ultimo stipendio ricevuto e un’eventuale offerta di lavoro per il dopo master.

Per quanto riguarda il rimborso, esso avverrà in tre fasi: nella prima fase (della durata del master e più sei mesi), non ci sarà alcun rimborso; nella seconda fase, verranno rimborsati gli interessi maturati durante la prima fase; nella terza fase, verranno rimborsate le rate, a cui saranno aggiunti anche gli interessi.

Per quanto riguarda, invece, gli studenti con cittadinanza europea, gli studenti iscritti al full-time MBA (sia gli studenti europei che quelli extraeuropei) e quelli con residenza in Italia, essi possono avere delle differenze nelle modalità di richiesta del finanziamento e di rimborso. Proprio per questo, è consigliabile consultare la pagina ufficiale dell’Università Bocconi, sempre aggiornata sulle ultime news riguardo finanziamenti e agevolazioni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*